< Ritorna

Stampa

 

Avs, si realizzi la promessa

di

Gianfranco Helbling
È ora di realizzare le promesse. Nel mese di aprile del 1990 il Consiglio federale, nel messaggio di accompagnamento alla decima revisione dell'Avs, scrisse: «Nel corso degli ultimi anni, il postulato dell'introduzione di un limite di età flessibile ha incontrato un crescente riscontro. Ora ci si aspetta dal Consiglio federale, che si era impegnato ad esaminare la questione nel momento in cui avesse dovuto esprimersi sull'iniziativa popolare che mira ad abbassare l'età di pensionamento a 62 anni per gli uomini e a 60 anni per le donne, che compia un passo decisivo verso la realizzazione dell'anticipazione della rendita». La decima revisione, che innalzò l'età di pensionamento delle donne senza fare passi concreti verso una vera flessibilità dell'età di pensionamento per tutti, fu accolta e quell'iniziativa fu respinta in cambio della promessa che l'undicesima revisione sarebbe stata quella buona. E la stessa promessa fu decisiva nelle votazioni sull'Avs del 1998 e del 2000. Ma quello che uscì dal parlamento fu un modello di pensionamento flessibile che penalizzava i bassi redditi e le donne: inevitabile il referendum, e l'undicesima revisione fu respinta dal 68 per cento dei votanti.
Il segnale era chiaro: il popolo è stufo di vane promesse, ora vuole fatti concreti. L'occasione è data con l'iniziativa popolare per un pensionamento flessibile per tutti, sulla quale si vota il 30 novembre. Essa, in cambio di un prelievo medio sui salari di 6 franchi e 50 al mese, consentirà a tutti e a tutte, in particolare a coloro che oggi non possono smettere di lavorare perché percepiscono un salario troppo basso, di decidere di andare in pensione a partire dai 62 anni di età (l'età normale della pensione rimarrà fissata a 65 anni). Si tratta di un sistema che non graverà sulle casse dell'Avs, per altro oggi decisamente floride e in grado di garantire da diversi anni utili compresi fra uno e due miliardi di franchi all'anno.
Eppure è proprio quello della presunta impossibilità di finanziarlo il principale argomento degli avversari dell'iniziativa. Un argomento smentito anche dall'ex direttore dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali Otto Piller. Egli osserva che il sistema dei prelievi dei contributi Avs, ovvero una percentuale sul salario senza limiti verso l'alto, e del calcolo delle rendite, che mediamente sono piuttosto contenute e hanno un tetto massimo relativamente basso, garantirà anche nel futuro un'Avs sana e finanziariamente equilibrata. Ma d'altra parte, già quando fu introdotta, nel 1947, i suoi avversari sostenevano che l'Avs non sarebbe stata finanziabile. La storia ha dimostrato che essa è la nostra assicurazione sociale più solida. E che ha tutte le carte in regola per esserlo anche in futuro.
È quindi il momento di aiutare il Consiglio federale a mantenere le sue promesse. Sono ormai quasi vent'anni che si aspetta un Sì al pensionamento flessibile per tutti. E se la classe politica non è in grado di realizzare le sue promesse, tocca al popolo agire.

Pubblicato

Venerdì 21 Novembre 2008

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019