< Ritorna

Stampa

 

Gli sconfitti dell’11.9

di

Gianfranco Helbling
Si sommano le rievocazioni sull'11 settembre. A ragione, anche se la bulimia dei servizi informativi non aiuta necessariamente a capire di più. Ma di certo quel giorno di 10 anni fa è una delle cerniere della nostra epoca. Una di quelle giornate che divide il mondo in vincitori e vinti.
Non sappiamo ancora chi sia il vincitore della guerra al terrorismo, né è ben chiaro chi lo sia in Iraq piuttosto che in Afghanistan. O anche in Libia. Per non parlare della Palestina. Sappiamo però chi possiamo mettere fra gli sconfitti dell'11 settembre. Al primo posto, indubbiamente, i cittadini musulmani, ovunque essi siano. Subito accomunati tutti nel sospetto, sono diventati il nemico numero uno dell'Occidente – e dato che l'Occidente ha la pretesa di essere il faro del mondo libero, i musulmani sono diventati i nemici del mondo intero. Anche dove l'estremismo islamista non costituisce assolutamente una minaccia, come in Svizzera. Anzi, anche laddove la minaccia viene semmai da chi si è autoproclamato difensore dei presunti valori occidentali, come in Norvegia.
Trovato il nemico pubblico, esso è poi diventato il capro espiatorio per quasi tutti i nostri mali. Anche in Svizzera, che dalla presenza di cittadini musulmani non ha mai avuto nessun particolare problema. Ma dopo l'11 settembre è improvvisamente diventato pensabile quel che prima di quella data era inconcepibile, memori come ancora si era delle lezioni della Seconda guerra mondiale. Il divieto di costruire minareti è solo un esempio. Un altro sono i tentativi, a volte riusciti, di proibire il burqua.
In poco tempo i musulmani sono così diventati cittadini di rango inferiore, per i quali non valgono tutti i diritti che l'Occidente libero riconosce ad ogni essere umano. Un po' com'era successo con gli ebrei nella Germania nazista, e non solo lì: i respingimenti in massa di profughi ebrei giunti al confine con la Svizzera furono possibili solo perché anche qua era diffuso un odio strisciante nei confronti di tutto un popolo.
E a proposito di profughi respinti in massa: lo sono anche i 10 mila cittadini iracheni le cui domande d'asilo furono lasciate a marcire nei cassetti delle ambasciate di Svizzera in Siria ed Egitto. Dagli ebrei ai musulmani, la storia s'è ripetuta, sfruttando le nostre complici e colpevoli amnesie.

Pubblicato

Venerdì 9 Settembre 2011

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019