< Ritorna

Stampa

 

I crocifissi di Morisoli

di

Gianfranco Helbling
Il problema che più affligge i ticinesi è quanti crocifissi ha in casa Sergio Morisoli, candidato del Partito liberale radicale (Plr) al Consiglio di Stato. Questo a giudicare dai temi che dominano (o non dominano) la campagna elettorale in vista del rinnovo dei poteri cantonali il 10 aprile.
In realtà ancora una volta i problemi interni del Plr sono diventati i problemi di tutto il Cantone. E se accettiamo la definizione della Lega secondo cui il movimento dei Bignasca sarebbe una costola del Plr, l'elezione del governo si riduce ad un solo quesito: chi saranno i due liberali che affiancheranno Laura Sadis? La scelta è ampia: Sergio Morisoli, Christian Vitta, Matteo Quadranti, Giuliano Bignasca, Norman Gobbi. Che poi non sia una scelta entusiasmante è un altro discorso.
Fatto sta che di nuovo tutto ruota attorno al Plr. Lo si è visto con la celebrazione per i dieci anni dalla vittoria sull'iniziativa per il finanziamento delle scuole private: uno splendido spot per un'ala del Plr, ben assecondata da volonterosi soccorritori. E anche lì il mostro è stato Morisoli che, crocifisso fra i denti, brandiva con una mano la Bibbia e con l'altra l'icona di Don Giussani. Intendiamoci: Morisoli è un rappresentante di Comunione e Liberazione, e come tale è meglio averlo fuori che dentro il governo. Ma gli si fa torto a ridurlo a questo. Perché Morisoli è stato soprattutto il cervello (fine) della politica neoliberista e neoconservatrice che per 12 anni Marina Masoni ha condotto in governo.
Di questo però nella campagna elettorale non c'è traccia. Peccato, sarebbe l'occasione per discutere dei veri problemi del paese: la disoccupazione, lo sviluppo economico, la politica fiscale, la giustizia sociale e così via. Si parla invece solo di crocifissi. Il motivo è semplice: su tutti gli altri temi le differenze fra i vari candidati del Plr non sono affatto marcate. La stessa gestione del Dfe da parte di Laura Sadis è dissimile nel metodo, ma tutto sommato su una linea di continuità nei contenuti rispetto a quella di Masoni.
Il problema è che di nuovo manca un'alternativa da porre al centro del dibattito politico. La stessa sinistra riesce a contrastare le peggiori derive neoliberiste, in particolare con i referendum, ma è ben lontana dal costruire una maggioranza attorno ad un progetto diverso di società. Ecco perché l'agenda politica ce la dettano le varie anime e le diverse costole del Plr. Ed ecco perché ci ritroviamo a contare i crocifissi di Morisoli.

Pubblicato

Venerdì 25 Febbraio 2011

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019