< Ritorna

Stampa

 

Il futuro nel glocale

di

Ferruccio D'Ambrogio

Emergenza climatica, saccheggio delle risorse e impronta ecologica insostenibile, crescente emarginazione sociale ed economica, sistema sanitario e previdenziale in tilt: giocoforza abbandonare il modello socioeconomico in auge. Che fare? Jeremy Rifkin economista, sociologo, noto opinionista, sostiene che la chiave di volta sia puntare sulle nuove tecnologie. Quelle che grazie a miniaturizzazione spinta, potenti calcolatori, telecomunicazione a banda larga, consentono l’internet delle cose (IdC). Ovvero sistemi e oggetti in grado di comunicare, interagire tra loro in modo autonomo, senza mediazione umana, rendendoli “smart”. Smart, aggettivo inglese che originariamente si riferiva alle qualità umane: persona intelligente, abile, veloce; ma che oggidì qualifica anche oggetti e sistemi che hanno le stesse caratteristiche. Rifkin prende quale esempio il sistema energetico elettrico: «L’infrastruttura smart, contrariamente a quella odierna, consente di mediare e organizzare il flusso di elettricità prodotto da un sistema capillare di installazioni appartenenti a milioni di individui, famiglie e centinaia di migliaia di piccole imprese che le hanno finanziate e che si alimentano dalla rete e possono a loro volta alimentarlo per le loro case, automobili, uffici, fabbriche».


La novità è che la tecnologia smart, «per sua natura, fluida e aperta, consente di realizzare economie di scala decentrate, aperte in tutti campi economici». Ovvero concretizzare il «motto pensare globalmente, agire localmente», realizzando la glocalizzazione: un sistema di imprenditoria composto di piccole e medie aziende, insediate in prossimità di risorse esistenti, mercati e bisogni della popolazione, che operano in rete con altre simili sparse nel mondo. La glocalizzazione, spiega Rifkin, consente di realizzare «nuovi modelli commerciali e opportunità occupazionali di massa: un balzo in avanti verso l’economia circolare a zero emissioni ecologicamente sostenibile e resiliente».


La nuova infrastruttura, oltre ad uno sforzo collettivo di tutti gli attori, richiederà anche un diverso modello di gestione e di proprietà. Quello proposto da Rifkin è un ibrido tra pubblico e privato, dove però sia il controllo sulla costruzione dell’infrastruttura sia la sua proprietà rimangono nelle mani delle comunità, dei loro governi locali, regionali e degli stati. Una condizione che modificherebbe sostanzialmente gli attuali ruoli tanto cari al neoliberalismo: lo stato che, in nome della sussidiarietà, è chiamato a creare le condizioni favorevoli alla libertà d’impresa e commercio per le imprese private a cui spetta la produzione di merci e servizi.


Un cambiamento radicale che modificherebbe finalità, funzioni nonché priorità dell’economia: da quelle odierne rette dall’imperativo delle aziende di realizzare  profitto, a quella futura di rispondere in primis ai bisogni fondamentali di tutti gli esseri umani in modo sostenibile. Un deal tutt’altro che scontato per multinazionali e grandi fondi di investimento che si vedrebbero “scippati” da quella che considerano la loro “gallina dalle uova d’oro”!


Insomma il libero mercato e la sua “mano invisibile” non ci guideranno automaticamente alla realizzazione della glocalizzazione e del Green New Deal. E nemmeno basteranno «le mobilitazioni e le pressioni sui governi affinché approvino la legislazione adeguata e incentivino le iniziative ecologiche».


Semmai, sottolinea Rifkin, esse «costituiscono il primo appello a un nuovo tipo di movimento politico tra pari e alla governance comune» dell’era «Glocal in cui le comunità assumono maggior responsabilità e controllo sull’economia e sul proprio futuro».

Pubblicato

Giovedì 5 Novembre 2020

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019