< Ritorna

Stampa

 
Immigrazione & dintorni

Il giustizialismo degli italiani all’estero

di

Dino Nardi

Lo scorso 12 giugno i cittadini italiani emigrati iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero sono stati coinvolti nel voto per i referendum abrogativi sulla giustizia indetti in Italia su cinque temi: l’incandidabilità dopo una condanna di primo grado; la limitazione delle misure cautelari; la separazione delle funzioni (pubblico ministero oppure giudice) dei magistrati; inserimento dei membri laici nei Consigli giudiziari; l’elezione dei componenti togati nel Consiglio Superiore della Magistratura.
Gli elettori italiani residenti all’estero (in questa occasione 4’735’783) hanno potuto votare attraverso il voto per corrispondenza.

 

La relativa legge è sempre più contestata da molti degli addetti ai lavori soprattutto per tre motivi. Il primo, per la mancata garanzia della segretezza del voto e con servizi postali che, nel mondo, non sempre sono ottimali, anzi!; il secondo, per la scarsa partecipazione al voto da parte degli aventi diritto (circa il 30% il livello massimo di partecipazione al voto); il terzo, per l’elevato costo della gestione del voto per corrispondenza. Criticità partecipazione/costo emerse anche in quest’ultima chiamata alle urne che – a fronte di un costo preventivato in 28 milioni di euro – ha visto la misera partecipazione di solo il 16,03% degli aventi diritto. Nella stessa Svizzera ha votato il 14,35%, ovvero al di sotto della media dell’estero e leggermente al di sopra di quella del continente europeo che è stata del 13,8%.


Da un’analisi dei dati di partecipazione risulta, poi, che percentualmente vi sono stati più votanti nei Paesi di scarsa e più recente emigrazione italiana rispetto ai Paesi di tradizionale e maggiore presenza di cittadini italiani (unica eccezione l’America meridionale). Ciò porterebbe alla conclusione che gli interessati agli eventi elettorali italiani siano, più che altro, gli elettori nati e cresciuti in Italia appartenenti alla vecchia e nuova emigrazione e non le seconde, terze, quarte generazioni in possesso della cittadinanza italiana. Per cui è ragionevole pensare che questi ultimi non siano affatto interessati all’evolversi della situazione sociale e politica del Belpaese.


Altro dato che emerge è il giustizialismo degli emigrati che con il loro voto hanno respinto i primi due referendum sull’incandidabilità dopo una condanna di primo grado e la limitazione delle misure cautelari approvando, invece, gli altri tre quesiti. Mentre gli elettori che sono andati alle urne in Italia, hanno approvato con un “sì” tutti e cinque i quesiti referendari che, tuttavia, sono poi risultati bocciati per il mancato raggiungimento del quorum del 50% (solo il 21% ha votato).

Pubblicato

Giovedì 30 Giugno 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019