< Ritorna

Stampa

 

L’autunno rovente

di

Gianfranco Helbling
Siamo alla resa dei conti. In senso reale e in senso figurato. Da una parte le cittadine e i cittadini di questo Paese assistono sempre più annoiati e stupiti allo psicodramma dei partiti di centro, il radicale e il democristiano, che, dopo aver sposato le tesi dell’Udc portando in dote carrettate di voti al partito di Chistoph Blocher, ora si meravigliano del loro tracollo elettorale, si scambiano le accuse più inverosimili e non sanno più a che santo votarsi per salvare i loro due seggi in Consiglio federale. D’altro lato, in conseguenza delle dissennate politiche di alleggerimenti fiscali soprattutto in favore dei più abbienti che non hanno saputo tener conto dei reali bisogni della popolazione, in parecchie regioni della Svizzera emerge un crescente malcontento nei confronti delle misure di risparmio previste nei preventivi 2004 di diversi Comuni e Cantoni. La protesta è già viva, tra l’altro, a Berna, Neuchâtel e Zurigo, oltre che in Ticino, dov’era già esplosa in modo fragoroso all’indomani del goffo autogolpe della maggioranza governativa ai danni della direttrice degli affari sociali Patrizia Pesenti e dove questa settimana c’è stato un primo sciopero nella scuola (cfr. pag. 9). Tutte le misure di taglio alla spesa pubblica conseguenti agli sgravi fiscali degli scorsi anni e che ancora si prevedono per il futuro (a cominciare dalla nuova manovra da 2,5 miliardi di franchi prevista dalla Confederazione, cfr. pag. 12) sono state possibili per la deriva a destra di quello che un tempo era il centro politico del Paese. Stupisce oggi che quel centro che finora aveva saputo essere il perno della politica svizzera per il suo senso della misura e quindi per la sua reale capacità di mediare fra tutti gli interessi in gioco si sia così ferocemente messo a fare il cane da guardia del grande capitale, disprezzando così la sua base elettorale. Che giustamente l’ha punito. Emblematico (e meritato) è lo schiaffo incassato dai radicali ai ballottaggi di domenica scorsa. Ma siamo solo all’inizio di quello che, in tutto il Paese, sta diventando un autunno rovente. Molti occhi adesso sono puntati sul Ticino. Con il ballottaggio di questo fine settimana la sinistra ha l’occasione unica di escludere dal Consiglio degli Stati un tipico rappresentante della destra ultraliberista, Filippo Lombardi, per eleggervi per la prima volta un suo rappresentante, Marco Maurizio. Ma all’orizzonte c’è già il 3 dicembre, giornata unitaria di sciopero contro i tagli antisociali del preventivo 2004 del Cantone. Poi sarà probabilmente la volta dei referendum. Se c’è un momento in cui le conquiste sociali dei decenni scorsi possono e devono essere difese, è questo. Sta alle cittadine e ai cittadini di questo Paese dimostrare che ci credono.

Pubblicato

Venerdì 14 Novembre 2003

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019