< Ritorna

Stampa

 
Dietro lo specchio

L’inevitabile grande mutamento del lavoro

di

Ferruccio D'Ambrogio

Industria 4.0 lavoro sì, ma quale? Industria 4.0, ovvero la 4a rivoluzione industriale – generata dalla tecnologia che associa robot e vari sistemi tra loro interagenti con intelligenza artificiale – suscita speranze e timori, e giudizi opposti per quanto riguarda il suo impatto sul lavoro: gli ottimisti, tra cui il Consiglio federale, affermano che come in passato la perdita di posti di lavoro sarà compensata dalla creazione di nuovi, generati da nuove attività e dalla crescita; i pessimisti temono invece che il saldo dei posti di lavoro sarà negativo, con un aumento della precarizzazione ovvero lavoro discontinuo, sottopagato. Cosa succederà, a chi credere? Per risolvere l’inghippo occorre liberarsi da ideologie e cercare di capire la specificità di questa nuova incipiente rivoluzione industriale, di cui già possiamo cogliere manifestazione: veicoli a conduzione autonoma, sistemi di traduzione, redazione e analisi di dati (testi, statistiche ecc.), sistemi di diagnosi medica, sistemi di programmazione autonoma, ecc. il cui potenziale di sviluppo è enorme. La loro particolarità è l’assunzione da parte della “macchina” di attributi finora di sola e stretta competenza umana, ovvero: valutare, esprimere un giudizio, apprendere dalla “pratica”, ragionare e creare.


Evidentemente in contesti specifici, ma dove comunque oggidì sono attive persone che nel prossimo futuro saranno investite più o meno fortemente dal cambiamento organizzativo; molte sostituite, mentre quelle ingaggiate dovranno essere portatrici di competenze specifiche, sempre più specializzate e di nicchia, o che il sistema macchina non è in grado di attivare o la loro applicazione risulta troppo onerosa. Ovvio, quindi, che molte professioni subiranno profonde metamorfosi, alcune scompariranno, altre richiederanno competenze che sono complementari a quelle della macchina (qualifiche elevate), o per mansioni poco qualificate per le quali l’uso della tecnologia risulta inefficiente (per esempio lavori di pulizia). C’è da attendersi un grande mutamento sia qualitativo, sia quantitativo del lavoro: forte compressione in tutte le mansioni intermedie (operai qualificati, tecnici, impiegati, informatici) sostituite dalla tecnologia e una polarizzazione dell’impiego, con persone altamente qualificate e specializzate, ben retribuite, portatrici di attributi quali problem-solving, pensiero critico, creatività e relazionali d’un lato, e d’altro canto persone senza qualifica specifica, bassamente retribuite, chiamate a svolgere mansioni ripetitive (vedi servizio a domicilio). Mentre in crescita risulteranno quelle relazionali nei campi della cura, educazione, assistenza ecc.


Il fabbisogno di lavoro continuerà ad esistere anche in futuro, ma sotto forme e modalità ben diverse da quelle in vigore; accanto alle forme classiche di impiego a tempo indeterminato, assisteremo ad un fiorire della “economia dei lavoretti” (Gig economy): modalità atipiche di lavoro autonomo che, sfruttando internet e relative applicazioni, consentono alla singola persona di interagire direttamente con una piattaforma per offrire o cercare lavoro (“crowdworking”) di cui Uber è diventata il simbolo. Lavoratori pagati a prestazione, ma non per il tempo tra una e l’altra, e parte degli strumenti messi a disposizione. Sono forme di lavoro autonomo atipico, non contemplate, o non sufficientemente tutelate dal sistema d’assicurazioni sociali. Variante moderna di cottimo che scarica sul lavoratore l’insieme dei rischi e dei costi, strutturali (auto, bicicletta, Pc, abbonamento rete...), sociali (previdenza, vacanze, formazione): il passato che si credeva definitivamente escluso, rientra, sotto nuove vesti, dalla finestra!

Pubblicato

Giovedì 1 Marzo 2018

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019