< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Nessuna luce in fondo al tunnel

di

Claudio Carrer

Quella che stiamo vivendo è una fine estate carica di incertezze: per la situazione sanitaria come per quella economica. E nella popolazione, complice la mancanza di risposte convincenti e adeguate alle circostanze, si fanno largo sentimenti di paura, di preoccupazione, di smarrimento. E anche di crescente insofferenza.


Sul fronte della pandemia, al di là della crescita del numero dei contagi a cui assistiamo da alcune settimane e dei timori che ciò può suscitare, stanno emergendo tutti i limiti della regionalizzazione (decisa in giugno dal Consiglio federale) della responsabilità nel fronteggiare la situazione: i Cantoni si muovono in ordine sparso e adottano a volte decisioni incomprensibili (si pensi a Zurigo: obbligo della mascherina nei negozi, ma non negli aeroporti, nelle stazioni e nei centri commerciali sotterranei annessi). E mentre a livello regionale si introducono restrizioni e divieti, la Confederazione cosa fa? decide di aprire gli stadi: così dal 1° ottobre al St. Jakob Park di Basilea, per esempio, potranno confluire fino a 25mila persone.

 

L’Ufficio federale della sanità pubblica sta dal canto suo accumulando gaffes e figuracce a ripetizione (dai dati sbagliati sui luoghi di contagio, all’annunciato decesso di un 30enne mai avvenuto, alla morte di una “bambina” di 9 anni che in realtà ne aveva 109) e nell’aggiornare la lista dei cosiddetti “paesi a rischio” si muove come un pachiderma, consentendo così a centinaia di persone di sfuggire alla quarantena.
Al pari delle autorità di quasi tutti i paesi europei, anche quelle elvetiche sembrano insomma navigare a vista e operare in modo confusionario e contraddittorio. È troppo facile puntare il dito, come si sta facendo, contro i giovani che, legittimamente, cercano il divertimento. Il problema sta a monte: se molti giovani si infettano nelle discoteche (dove notoriamente la distanza sociale è impraticabile) va chiesto conto all’autorità che ha compiuto l’azzardo di riaprirle.


Preoccupante è anche il quadro che si sta delineando sul fronte della grave crisi economica e sociale provocata dal coronavirus. Una crisi che il Consiglio federale sembra misconoscere, giudicando dalle sue indicazioni nell’ambito della Legge Covid-19 che sarà discussa dal Parlamento in settembre: nessuna misura per la difesa del potere d’acquisto delle persone con redditi medio-bassi, nessuna misura per limitare l’aumento della precarietà e totale libertà di licenziamento, anche per quelle imprese che beneficiano di aiuti statali e delle prestazioni straordinarie dell’assicurazione contro la disoccupazione. Questo è uno schiaffo a quasi 1 milione di persone in regime di lavoro ridotto costrette a sopportare l’insopportabile taglio del 20 per cento del loro salario e a migliaia di lavoratori vittime di imprese che con una mano prendono i soldi dello Stato e con l’altra tagliano teste e condannano intere famiglie alla povertà.

 

Pubblicato

Lunedì 31 Agosto 2020

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019