< Ritorna

Stampa

 

No a vantaggi fiscali settoriali

di

Manuela Puggioni Butti
L'Associazione svizzera inquilini (Asi) vi invita a votare No il 23 settembre all'iniziativa popolare "sicurezza dell'alloggio per i pensionati". Un Comitato composto da Associazioni di proprietari, di inquilini, dal Partito Socialista, dai Verdi, dai Verdi Liberali, dal Partito Evangelico e dal Partito Cristiano Sociale si è costituito al fine di combattere l'introduzione di nuovi benefici fiscali settoriali. Ma vediamo qual è l'oggetto di questa nuova iniziativa.
Il 23 gennaio 2009, l'Associazione svizzera dei proprietari immobiliari (Hev) ha depositato l'iniziativa popolare "sicurezza dell'alloggio per i pensionati". L'iniziativa ha come obiettivo quello di consentire ai pensionati di rinunciare all'imposizione del valore locativo mantenendo la possibilità di portare in deduzione le spese destinate al risparmio di energia, alla protezione dell'ambiente e alla conservazione dei monumenti storici. La stessa deducibilità, fino a un importo massimo di 4 mila franchi, è prevista anche per le spese di manutenzione.
L'iniziativa popolare quindi vuole introdurre un sistema di imposizione fiscale a scelta, ma solo per una determinata categoria di proprietari, i pensionati, che, in caso di successo, potrebbero quindi decidere di non dichiarare il valore locativo. L'iniziativa, a parere dell'Asi, sarebbe inefficace e introdurrebbe una discriminazione tra proprietari pensionati, che verosimilmente hanno già ripagato il debito per l'acquisto della casa, e inquilini pensionati che viceversa non possono dedurre dalle imposte alcuna voce di spesa relativa all'alloggio.
Il Consiglio federale ha respinto l'iniziativa in quanto ritiene che vi sarebbe una disparità di trattamento tra soggetti uguali (i proprietari di immobili) privilegiando le economie domestiche di proprietari pensionati con una ulteriore complicazione del diritto fiscale.
Il Comitato del No ha evidenziato infine che, se l'iniziativa venisse accolta dal popolo, ci sarebbero minori risorse per lo Stato sociale e per tutti quei servizi di aiuto destinati alle fasce medio-basse della popolazione.
È per tutti questi motivi che l'Associazione Svizzera Inquilini raccomanda di votare No all'iniziativa in votazione il 23 settembre prossimo.

Pubblicato

Venerdì 14 Settembre 2012

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

Rubrica

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019