< Ritorna

Stampa

Lavoro&Giustizia

No ai licenziamenti anti sindacali

Presidio delle forze politiche di sinistra davanti ai cancelli della Dpd di Giubiasco

di

Francesco Bonsaver

La politica scende in campo a sostegno dei quattro corrieri Dpd licenziati per aver chiesto migliori condizioni di lavoro. Rappresentanti del Partito operaio popolare, Partito comunista, ForumAlternativo, Partito Socialista e della Gioventù socialista hanno organizzato oggi pomeriggio un presidio davanti al deposito Dpd di Giubiasco, dove lavoravano i quattro corrieri licenziati l’ultimo giorno del 2021.

 

«Il sistema Dpd – ha spiegato Gianfranco Cavalli del Pop – è l’emblema di un nuovo modo di fare economia in cui rientrano anche Smood e Divoora. Una modalità in cui la precarietà colpisce ogni attore del processo produttivo. Un sistema in cui la Dpd con fare omertoso e la complicità di alcuni sindacati padronali, calpesta i più fondamentali diritti. Il problema è che la nostra democrazia e lo Stato di diritto glielo permettono. Dobbiamo impedirlo».

 

«Questo è un presidio contro dei licenziamenti vergognosi, di cui nessuno ha il coraggio di assumersi la responsabilità- ha dichiarato Fabrizio Sirica, copresidente Ps - I lavoratori della logistica sono stati tra gli eroi invisibili della pandemia. E ora, quando chiedono condizioni di lavoro migliori, vengono licenziati».

 

«Sono stati vigliaccamente licenziati – gli ha fatto eco Beppe Savary del ForumAlternativo - perché hanno scoperchiato il vaso di Pandora del sistema Dpd denunciando gli abusi subiti sul posto di lavoro. Licenziati perché ai putridi compromessi, hanno preferito la lotta nel collettivo operaio e di organizzarsi con Unia, non col sindacato filopadronale. Non dimentichiamo che la precarietà e gli abusi che vivono i lavoratori nelle consegne, sono figli della privatizzazione del servizio pubblico».

 

Ha poi preso la parola Max Ay del Partito comunista, ricordando che «la Costituzione ticinese e quella federale garantiscono la libertà sindacale, la libertà dei lavoratori di difendersi dalle condizioni di sfruttamento. La politica non può girare la faccia davanti a questi licenziamenti anti-sindacali. Deve reagire, perché altrimenti a perderci sarà l’intera società».

 

Al termine del presidio, uno dei quattro operai licenziati ha ringraziato per la solidarietà espressa dalle organizzazioni presenti, aggiungendo che non lottavano unicamente per migliorare le loro condizioni di lavoro, ma per impedire che il sistema Dpd diventi il modello del mondo del lavoro cantonale.  

Pubblicato

Giovedì 20 Gennaio 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 19 Maggio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019