< Ritorna

Stampa

 
Spazio Amnesty

Per difendere i nostri diritti, dobbiamo conoscerli

di

Chiara Guerzoni

La pandemia da Covid-19 ha messo in discussione i diritti umani? Negli scorsi mesi abbiamo rinunciato alla libertà di muoverci, il lavoro è diminuito, se non sparito, l’accesso alla giustizia e alla salute è diventato più complesso. Il personale sanitario ha dovuto rinunciare alla sicurezza sul luogo di lavoro e molti studenti all’istruzione.


Lo abbiamo fatto per proteggere un diritto comune e più prezioso, la vita e la salute. Ma in un momento in cui la sopravvivenza nostra e delle persone accanto a noi pare divenuta la misura della possibilità di accesso ai nostri diritti, è fondamentale ricordare le parole del preambolo della Dichiarazione Universale: «Il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità». Difendere e vegliare sui nostri diritti è importante in ogni circostanza.


Ma per farlo abbiamo bisogno di conoscerli, si tratta di un sapere irrinunciabile che troviamo in tutti i piani di studio delle scuole svizzere. Una democrazia si fonda su persone preparate e consapevoli, che possano essere scudo per chiunque voglia limitare le loro libertà e i loro diritti. In questo caso le appartenenze politiche non hanno valore, i diritti ci definiscono e ci permettono di realizzare la nostra dignità, sono la base per poter vivere ogni giorno la libertà di opinione e lo stato di diritto, la giustizia e l’accesso su base paritaria a sanità, istruzione, cultura, assistenza sociale.


Amnesty International collabora con le scuole in Ticino con progetti di educazione ai diritti umani, un processo che stimola il pensiero critico, prende in esame valori e comportamenti individuali e sprona al mutamento e all’azione. I nostri incontri partono da un momento di ascolto: chiediamo ai ragazzi cosa serve loro per vivere e per essere felici. Dall’elenco dei bisogni nasce l’elenco dei diritti, delle libertà e la volontà di difenderli. I diritti sono quello che ci permette di divenire chi siamo, gli adolescenti lo capiscono bene, affermare sé stessi è per loro una necessità. La consapevolezza che ho diritto a essere trattata/o con dignità, che nessuno potrà mai discriminarmi o impedirmi di dire ciò che penso è la base per saper difendere e proteggere i diritti delle altre persone, per vedere me stesso nell’altro e pretendere per lei/lui quello che vorrei per me.


Noi di Amnesty ci proponiamo per affiancare i docenti con incontri in classe e formazioni per docenti per sostenere lo sviluppo delle competenze che fanno dei giovani dei cittadini attivi che partecipano nella loro comunità e sono capaci di attivarsi per cambiare una specifica situazione quando sembrerà loro necessario. Solo così possiamo con sicurezza e fiducia accettare le limitazioni imposte oggi alle nostre libertà.



Pubblicato

Giovedì 10 Settembre 2020

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 20 Gennaio 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 5561
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019