< Ritorna

Stampa

 
Spazio Amnesty

Se manifestare diventa rischioso

di

Lukas Hafner

Che sia sulla stampa internazionale o svizzera, una parola compare sempre più spesso nei titoli degli articoli: “protesta”. L’elenco è lungo: dalla mobilitazione dei popoli indigeni in Ecuador, a quella di attivisti per il clima, passando per le azioni contro la guerra russa in Ucraina o le manifestazioni contro le limitazioni del diritto all’aborto negli Stati Uniti.
Le persone scendono in strada per svariati motivi. Tutte hanno una cosa in comune: il coraggio. Coraggio di lottare per una vita migliore e di alzare la voce contro le ingiustizie e gli abusi. Non dobbiamo dimenticare che senza il coraggio di donne e uomini del passato molti diritti che oggi diamo per scontati sarebbero probabilmente rimasti un’utopia: democrazia, diritti delle donne... Oggi la “libertà di manifestare” è protetta dal diritto internazionale: i diritti alla libertà di riunione, espressione e associazione obbligano infatti gli Stati a garantire la libertà di protesta pacifica.


Invece di garantire queste libertà, di cercare il dialogo con i manifestanti e di proteggere gli atti di protesta, i governi rispondono con restrizioni, violenza e repressione. In molti paesi le manifestazioni sono vietate preventivamente e chi le organizza è intimidito e perseguito. Le marce di protesta sono interrotte o brutalmente represse. Chi manifesta rischia di venir ferito, incarcerato e punito in modo sproporzionato. La virata delle autorità verso la repressione è visibile anche online, dove la censura e la sorveglianza riducono drasticamente lo spazio per la protesta tramite i social media.


È vero che i peggiori eccessi di violenza − come l’uso dell’esercito o di munizioni vere − si osservano soprattutto negli Stati autocratici. Ma la tendenza generale alla repressione non è limitata a queste realtà. Autorizzazioni restrittive, violenza da parte della polizia e sanzioni sproporzionate sono una realtà anche in Europa, Svizzera inclusa. Le prime vittime sono persone e gruppi già emarginati a causa delle loro caratteristiche individuali o collettive. La “libertà di manifestare” è diventata così un atto di “grazia” dello Stato, un regime speciale concesso in modo arbitrario e discriminatorio, che consente il dissenso solo in proporzioni strettamente razionate e stronca sul nascere le iniziative della società civile.


Laddove gli Stati non rispettano i propri obblighi e violano i diritti umani con leggi repressive, manganelli e gas lacrimogeni è più che mai necessario esprimersi contro queste violazioni, chiedendo conto ai responsabili. Amnesty International difende il diritto alla protesta pacifica, in tutto il mondo e in Svizzera. Vogliamo che ognuno possa esprimere pacificamente le proprie preoccupazioni nelle strade, senza temere la violenza e la repressione, indipendentemente dalla propria identità, dal genere, dal colore della pelle, dalla religione o dall’origine.

Pubblicato

Giovedì 1 Settembre 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 29 Settembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019