< Ritorna

Stampa

 

Tre battaglie di civilità

di

Gianfranco Helbling
Alcuni aspetti accomunano tre dei quattro oggetti in votazione il prossimo 26 settembre, ossia i due concernenti la naturalizzazione agevolata degli stranieri di seconda e terza generazione e quello sull’introduzione di un congedo maternità pagato per tutte le lavoratrici. Intanto si tratta di tre riforme che, se venissero finalmente accolte, non regalerebbero nulla a nessuno ma costituirebbero soltanto e semplicemente tre atti di giustizia, da tempo dovuti. Giustizia nei confronti delle donne lavoratrici che si sobbarcano l’onere di diventare madri, per troppe delle quali oggi la gravidanza e il parto sono esperienze da vivere più nell’angoscia per il futuro che nella serenità. E giustizia nei confronti dei giovani stranieri che crescono in Svizzera e che con il loro lavoro contribuiscono alla prosperità del nostro paese, per i quali oggi il riconoscimento giuridico (la naturalizzazione) di una realtà di fatto (la piena integrazione nel nostro tessuto sociale) è ancora spesso un percorso fatto di umiliazioni. Colpisce in secondo luogo l’opposizione becera e triviale che l’Udc conduce contro questi tre oggetti. È un’opposizione che, più che a voler convincere gli elettori di altri partiti, mira a rafforzare il credo reazionario e la compattezza del proprio elettorato, agitando fantasmi quali i “figli di Stato” o l’islamizzazione del paese. Con riferimento soltanto al 26 settembre la propaganda dell’Udc potrebbe anche far ridere. Ben più preoccupante è il disimpegno da queste tre battaglie di civiltà del centro politico e dei potentati economici, quasi che a loro l’esito del voto fosse tutto sommato indifferente e che anzi non volessero urtare le suscettibilità dei nuovi padroni del paese, la destra economica e politica. Può darsi che un centro disimpegnato sia sufficiente questa volta a vincere le tre battaglie: ma per il futuro c’è ancora una volta poco da stare allegri. Infine c’è la grossa occasione della sinistra sindacale e politica, l’occasione cioè, dopo numerose battaglie di retroguardia a difesa delle conquiste del passato (si pensi alle vittorie raccolte quest’anno alle urne), di imporre una vera svolta e rilanciare le dinamiche politiche verso una maggiore giustizia sociale. In questo senso, certo, il 26 settembre costituirebbe soltanto un inizio. Ma se il popolo con i suoi Sì dirà di voler invertire la rotta della politica neoliberista che la maggioranza di governo e parlamento ci stanno imponendo, fra qualche anno potremmo ritrovarci a parlare di una data storica. A condizione di ricordarci che la storia siamo noi a farla.

Pubblicato

Venerdì 17 Settembre 2004

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 65.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Venerdì 18 Novembre 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019