< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Un atto doloroso ma di generosità

di

Claudio Carrer

L’anno scorso in Svizzera sono morte 72 persone, spesso giovani, in attesa di un trapianto d’organo che avrebbe consentito loro di continuare a vivere. E solo 587 pazienti su 1.434 in lista sono stati trapiantati. Sono dati che ben raccontano come nel nostro paese il numero di donatori sia insufficiente e che giustificano il cambiamento di sistema che sarà sottoposto al popolo svizzero il prossimo 15 maggio: una modifica della Legge sui trapianti che introduce il principio del cosiddetto consenso presunto (ma con la garanzia del coinvolgimento dei familiari), secondo cui chi non intende donare i suoi organi alla propria morte lo deve dichiarare esplicitamente quando è ancora in vita. In pratica si rovescia il modello attualmente in vigore che permette la donazione solo se la persona vi aveva acconsentito in vita con un atto esplicito (tessera di donatore, testamento biologico eccetera) o se lo decidono i congiunti sulla base della sua volontà presunta.


È una situazione insoddisfacente perché tale volontà è spesso sconosciuta: secondo le statistiche, nonostante 8 svizzeri su 10 si dicano favorevoli alla donazione di organi, solo il 37% della popolazione dichiara le sue intenzioni a voce ai familiari, solo il 16% ha una tessera di donatore e solo il 2% è iscritto al registro nazionale di donazione di organi. E nella maggior parte dei casi i congiunti, già fortemente provati dal trauma di una morte spesso improvvisa e inaspettata, non se la sentono di affrontare la questione e si oppongono alla donazione. Il risultato è che in Svizzera le persone in attesa di un trapianto (che è sempre l’ultima opzione terapeutica) sono circa il triplo rispetto al numero di organi compatibili disponibili, il che per i pazienti coinvolti significa anni di estenuante attesa e di immani sofferenze. E anche la morte: in Svizzera si registra mediamente un caso ogni cinque giorni.


Il cambio di paradigma dovrebbe spingere molte più persone a dichiarare la propria volontà (levando anche il peso di una decisione ai familiari in un momento tanto doloroso) e ad accrescere la disponibilità di organi: nei Paesi Bassi ad esempio, dove è in vigore il medesimo modello, il 75% della popolazione adulta ha dichiarato la propria volontà nel registro nazionale. E anche in altri paesi, come Spagna, Portogallo e Francia, si è innescato un meccanismo virtuoso. Non c’è alcun automatismo come dimostrano i contro-esempi di Slovacchia e Polonia che nonostante il modello del consenso presunto sono dietro la Svizzera in quanto a donazioni. Anche perché, oltre alle caratteristiche organizzative del sistema, entrano in gioco pure i fattori culturali, sociali e storici di ciascun paese.


La ricetta del consenso presunto sembra convincere le cittadine e i cittadini svizzeri, visto che, stando ai sondaggi, più del 60% il 15 maggio dirà sì alla modifica di legge. In attesa di conoscere il risultato e gli effetti del cambio di sistema, si può però già sin d’ora convenire su un fatto: il dibattito pubblico di questa campagna di votazione che si sta per concludere avrà sicuramente effetti benefici, perché ha stimolato molte persone a porsi la questione e magari a parlarne con i propri cari. Un esercizio difficile perché ci obbliga a confrontarci con l’idea della nostra morte, ma anche un doveroso atto di generosità con cui si può donare vita.

Pubblicato

Giovedì 5 Maggio 2022

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019