< Ritorna

Stampa

 
L'editoriale

Una lezione di civiltà

di

Claudio Carrer

Centinaia di giovani sono scesi in piazza settimana scorsa a Bellinzona per gridare il loro no all’espulsione dalla Svizzera di un ragazzo diciassettenne di origine kosovara nato e cresciuto in Ticino, ma che, secondo una legge disumana e assurda applicata biecamente da qualche funzionario al servizio del leghista Norman Gobbi, andrebbe strappato all’affetto della madre e rispedito nel suo paese di origine. Un paese che non è più il suo e dove non ha più nessuno.


Grazie a questa mobilitazione, supportata da una petizione che ha raccolto oltre 1.600 firme in pochi giorni e a cui sono seguite delle iniziative sul piano politico, il rimpatrio forzato del giovane è per ora scongiurato.
A queste ragazze e a questi ragazzi va dunque un plauso, non solo perché hanno ottenuto la sospensione di una decisione incomprensibile agli occhi di chiunque abbia un minimo di buonsenso, ma anche e soprattutto perché hanno impartito una grande lezione di civiltà.

 

Una lezione alle autorità, alla classe politica e alla popolazione adulta che, con le loro decisioni in materia di politica migratoria prese negli ultimi decenni, hanno spianato la strada alla violazione sistematica dei diritti dell'uomo e a ogni forma di arbitrio, di cui il caso del ragazzo ticinese (non possiamo definirlo altrimenti, visto che in Ticino è nato, in Ticino ha vissuto i primi anni della sua vita, in Ticino è domiciliata sua mamma da cui è tornato dopo essere stato abbandonato dal padre, in Ticino ha frequentato una scuola e in Ticino è perfettamente integrato!) è solo la punta di un iceberg.


L’indignazione dei giovani ticinesi di fronte al trattamento disumano subito dal loro compagno di scuola, dal loro amico, dal loro vicino o semplicemente dal loro coetaneo (che giustamente chiamano «uno di noi») è spia di una presa di coscienza della brutalità della realtà che li circonda e un richiamo autentico, spontaneo e forte all’insieme della società.


Con il loro gesto hanno mostrato il volto di un Ticino che vuole dire basta alla xenofobia e al razzismo di Stato e riappropriarsi di quella cultura dell’accoglienza che ha segnato la storia passata di questo cantone.  
In una realtà in cui certi soggetti con responsabilità politiche e di governo continuano ad alimentare l’insofferenza nei confronti dello straniero, la reazione che qui abbiamo ricordato è un piccolo grande segnale di speranza. Ma anche un gesto che fa onore a una generazione troppo spesso e ingiustamente additata per le sue esuberanze.
Ci pareva giusto sottolinearlo.

Pubblicato

Mercoledì 18 Dicembre 2013

Edizione cartacea

Leggi altri articoli di

< Ritorna

Stampa

Abbonati ora!

Abbonarsi alla versione cartacea di AREA costa soltanto CHF 60.—

VAI ALLA PAGINA

L’ultima edizione

Quindicinale di critica sociale e del lavoro

Pubblicata

Giovedì 30 Giugno 2022

Torna su

Editore

Sindacato Unia

Direzione

Claudio Carrer

Redazione

Francesco Bonsaver

Raffaella Brignoni

Federico Franchini

Veronica Galster

Mattia Lento

Indirizzo
Redazione area
Via Canonica 3
CP 1344
CH-6901 Lugano
Contatto
info@areaonline.ch
Inserzioni pubblicitarie

Tariffe pubblicitarie

T. +4191 912 33 80
info@areaonline.ch

Abbonamenti

T. +4191 912 33 80
Formulario online

INFO

Impressum

Privacy Policy

Cookies Policy

 

© Copyright 2019